Incontri alle O. C. del Guado

L’atelier dello Studio, dalla Comune ad oggi, il filo rosso della sperimentazione

Al Guado da 50 anni si lavora per promuovere l’Arte contemporanea e il suo valore e per diffondere la cultura di cui gli artisti sono, sovente, eccellenti produttori. Con notevoli sforzi e sacrifici (anche economici) Daniele, Franca e Francesco Oppi, con l’aiuto e il fondamentale supporto volontario e appassionato di tanti amici artisti e non, hanno garantito un servizio continuo di impegno nell’ambito della promozione dell’arte e della diffusione della cultura sul territorio.
Con il contributo di molti giovani, negli anni ’70, partiva l’attività “SPAZIO-PROVA per vivere, Arte fuori Arte, Lavoro fuori Lavoro”, un cantiere positivo e propositivo che creava ed eseguiva opere in serigrafia manuale, l’edizione de “Il Guadolibro” (una raccolta testimoniale documentaria e artistica) e una collana di volumetti di riflessioni etico-sociali oggi cult.
Da un gruppo di questi stessi giovani nasceva la Cooperativa culturale Il Guado, 1973, poi trasformata in una Coop di lavoro, e una piccola Cooperativa Malvaglio “Bar Italia”, che aveva rilevato la licenza da un vecchio omonimo bar in frazione Malvaglio, dove si formò “La Bottega del Libro” e la LAL (Libera Associazione del Libro). L’allora assessore alla Cultura della Regione Lombardia propose un contributo di lire 500.000… 
Intervenivano in quella fase anche i contributi e la presenza di Giulio Rapetti (Mogol) e Lucio Battisti: si ravvisano nel testo di “Emozioni” i segni d’atmosfera del Naviglio che scorre… e di acqua ne è passata sotto i bei ponti secenteschi del Naviglio Grande che affianca almeno dal 1500 il Guado…
Sempre al lavoro fino al 1991 con il Raccolto e tutte le progettualità d’avanguardia in ambito culturale e socio-culturale, e poi con le Officine Creative che tornano a riallacciare i fili di una storia fatta di sperimentazione continua; un contributo indispensabile allo sviluppo e al progresso della società. Nello storico spazio dell’atelier delle Officine Creative, curato con amore, impegno e dedizione, ha luogo una selezione di eventi, mostre e incontri per non perdere il filo con il meglio della contemporaneità dell’arte e del pensiero. Per non perdere di vista l’essere umano e la consapevolezza che l’arte in tutte le sue forme e la cultura, intesa come ricerca e non solo come mera erudizione, sono da sempre (e sempre più) beni di prima necessità, anzi primissima.
Ad esempio citiamo la bellissima “prima” di Segnalibro d’artista 2020 in collaborazione con la Libreria Bocca di Milano.
La mostra (che ci auguriamo possa presto riprendere il suo giro d’Italia nei prestigiosi spazi che la accoglieranno) ha goduto del Patrocinio dei comuni di Robecchetto con Induno, Castano Primo e Inveruno e del supporto di Fondazione Per Leggere.

Page photo credits Francesco e Andrés Oppi

 

Torna a L’Arte e il suo valore culturale
– Vai alla storia del Guado

 

 

 

 

EMAIL

guadoofficinecreative@gmail.com

DOVE

Cascina del Guado, Strada Comunale Del Guado, 20020 Robecchetto MI